Home
Aiutaci ad aiutare
Animali in città
Abbasso la caccia
Abbasso la pesca
Abbasso il circo
Manifestazioni
home > Abbasso la caccia

Abbasso la caccia

Flagello o vittime?

I cinghiali, i caprioli e i daini che devastano le colture agricole sono le vittime inconsapevoli, assieme ai contadini, degli interessi dei cacciatori; fin dai primi anni 80 sono stati deliberatamente lasciati moltiplicare, senza che nessuno, a parte l’ENPA, si opponesse al ripopolamento con animali d’allevamento. Ed ora neppure battute di caccia senza alcuna regola (si spara ai cuccioli per costringere la madre a spostare il branco) riescono a risolvere il problema, a parte le migliaia di animali uccisi durante la “normale” stagione venatoria.

CIÒ DIMOSTRA CHE IL FUCILE DEI CACCIATORI NON È LO STRUMENTO IDONEO PER CONTROLLARE LE SPECIE ANIMALI IN SOVRANNUMERO. PER AVERE SEMPRE PREDE DA ABBATTERE I CACCIATORI HANNO INFATTI INTERESSE CHE LA SPECIE SIA NUMEROSA ED I DANNI ALLE COLTIVAZIONI NON DIMINUISCANO.

Quindi le soluzioni vanno cercate altrove come chiediamo, ormai inascoltati, da decenni: come avviene in molte parti del mondo per problematiche simili, si commissionino ad istituti scientifici, non legati ai cacciatori, studi di fattibilità e ricerche, propedeutici a campagne di somministrazione di sostanze “specie-specifiche” in grado di limitare le nascite delle specie selvatiche in presunto sovrannumero.

Ma, in aggiunta e fin da subito, valutando le situazioni locali e utilizzando i fondi delle PROVINCE sulla caccia:
  • Costituire, in zone e boschi lontani dalle colture, da aprile a settembre, depositi di cibo continuamente riforniti (ortaggi, vegetali e sale), eventualmente recuperati dagli scarti delle produzioni alimentari, per limitare la mobilità degli animali.

  • Fornire alle aziende agricole i “pastori elettrici”, circuiti con cavi alimentati da batterie a basso voltaggio (procurano solo fastidio) che impediscono l’avvicinamento alle colture; e dare contributi per la costruzione di robuste recinzioni attorno ai campi coltivati.

Agli scettici ricordiamo che queste sono le soluzioni già adottate da decenni in molte parti del mondo, dopo il fallimento del fucile (somministrazione di mangimi medicati agli ungulati del Nord America ed agli elefanti africani; barriere di migliaia di chilometri in Australia, contro emù e dingo o in Argentina, contro guanachi e nandù).

LA REPUBBLICA - SCIENZA & TECNOLOGIA – 31 Agosto 2006

Ricercatori americani e del Centro di ecologia alpina hanno accertato che gli ungulati proteggono dalla riproduzione dei parassiti e le infezioni.

"Meno caprioli? Aumentano le zecche" Gli scienziati lanciano l'allarme.

"Nelle piccole aree il fenomeno è molto evidente" di CRISTINA NADOTTI.

ROMA - Meno caprioli, più zecche. Uno studio realizzato in collaborazione tra il Centro di ecologia alpina di Trento e l'Università americana di Penn State fornisce un altro argomento a favore di chi si oppone all'abbattimento dei caprioli. Nelle aree in cui questi ungulati sono più numerosi si riduce la popolazione delle zecche e i caprioli non vengono infettati dalle malattie che questi parassiti trasmettono, rendendo più "diluita" la concentrazione di germi patogeni. "Le nostre osservazioni hanno accertato che in zone nei quali i caprioli erano stati allontanati - spiega Annapaola P. Rizzoli, del Centro di ecologia alpina - c'è stato un aumento consistente della presenza di zecche e che quindi le zone in questione si sono tramutate in potenziali punti critici per la diffusione delle malattie trasmesse dai parassiti".
"I caprioli pur se morsicati dalle zecche non vengono infettati dai batteri trasmessi dai parassiti, quali quelli della malattia di Lyme - spiega Rizzoli - perciò interrompono la catena di trasmissione di alcune infezioni". "Per ora i nostri studi si sono limitati all'osservazione di piccole zone nel territorio di Trento - dice la ricercatrice italiana - ma stiamo portando avanti un progetto europeo, per verificare se quanto osservato è valido su una scala più ampia".
I caprioli sono fondamentali nel ciclo riproduttivo delle zecche, che si nutrono del loro sangue per fare un "pasto finale" prima di lasciarsi cadere e produrre migliaia di uova. I ricercatori hanno osservato che portando via gli ungulati da una zona le zecche tendono ad infestare maggiormente gli altri ospiti abituali, i roditori, che al contrario dei caprioli sono in grado di favorire la trasmissione di moltissimi batteri. In pratica, una zecca che si ciba del sangue di un capriolo e non è ancora infetta resta "sana", mentre una zecca che si ciba del sangue di un topo ha altissime possibilità di "arricchirsi" di batteri patogeni e continuare a trasmetterli, anche agli esseri umani.
"Sono molto pochi gli studi che hanno analizzato nel dettaglio l'aumento della presenza di zecche sui roditori nel momento in cui si allontanano i caprioli dallo stesso habitat - spiega Rizzoli - Le nostre osservazioni sono particolarmente importanti anche per capire quale rapporto esista tra l'allontanamento degli ungulati, l'aumento delle zecche e la dimensione dell'area nella quale il fenomeno viene osservato ".
Per un periodo di sei mesi i ricercatori hanno catturato roditori su un'area di circa un ettaro e mezzo nelle Dolomiti, conosciuta come zona di alta trasmissione di encefalite da puntura di zecca. Le analisi statistiche sul numero di parassiti trovati sui roditori hanno mostrato che, a paragone con altre zone, quelle in cui non c'erano caprioli erano infestate da molte più ninfe e femmine adulte di zecca.
"Dobbiamo stare molto attenti ad allontanare i caprioli da piccole aree, anche dai giardini e dai parchi - sostiene Sarah Perkins, ricercatrice della Penn's State University - poiché mandare via i caprioli potrebbe facilitare la riproduzione di zecche e soprattutto di quelle che trasmettono l'infezione dell'encefalite".
(31 agosto 2006)

Leggi l'articolo online.


Pronto soccorso veterinario

  • Per segnalare cani vaganti e gatti liberi feriti occorre telefonare al 112 e chiedere dell’operatore di turno del Servizio Veterinario.

  • Per uccelli o piccoli mammiferi feriti o in difficoltà telefonare al numero 345.6350596 dalle 9 alle 19.
    USARE QUESTO NUMERO SOLO ED ESCLUSIVAMENTE PER EMERGENZE DELLA FAUNA SELVATICA.

  • Per ritrovamenti di CINGHIALI CAPRIOLI E DAINI rivolgersi al 112 che fornirà a seconda della zona il numero degli operatori incaricati.

    In caso di problemi
    Ufficio Vigilanza caccia e pesca
    019.8313319 oppure centralino 019.83131 Tutte le mattine, pomeriggio martedì e giovedì dalle 15 alle 17.

  • Per qualsiasi altro problema o informazione rivolgersi alla sede Enpa aperta tutti i giorni, sabato compreso, dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19 al n.ro 019.824735, oppure inviate una mail a enpa.sv@libero.it.


Sostieni ENPA Savona


Il nostro lavoro quotidiano è possibile solo GRAZIE al sostegno di tutti i soci e di chi ci sostiene con il suo contributo.

Riepilogo attività >>


5 x mille agli animali

Gli animali si donano a noi. Completamente.
5x1000 all'Enpa: un gesto umano al cento per cento.

Scopri come puoi farlo..


Le mie non ultime volontà

Come lasciare qualcosa, anche poco, ai nostri amici animali.

Scarica il modulo..


Fauna

Una scelta di umanità: non fate morire i cuccioli di capriolo

Scopri di più..